Gli antenati del videoclip (e preziosi da parete) in mostra

Quando si pensa ai videoclip, i filmati utilizzati per promuovere una canzone, spesso li si immagina con un’aura di modernità e come qualcosa di inevitabilmente “straniero”; per anni in molti hanno creduto che il primo vero filmato promozionale fosse quello girato nel 1975 per accompagnare Bohemian Rapsody dei Queen. Nulla di più lontano dal vero: l’idea del videoclip ha almeno 16 anni in più e, soprattutto, è nata in Italia. Lo ha spiegato in tante occasioni Michele Bovi, caporedattore centrale e capo della redazione Speciali del Tg2: al Cinebox, sorta di “macchina dei sogni” ad uso e consumo degli appassionati di musica, ha dedicato una parte importante delle sue ricerche. Dopo aver realizzato vari programmi televisivi a tema (numeri unici o intere serie), l’anno scorso Michele aveva allestito una grande mostra a Caserta, con tanto di convegno sul “paleolitico del videoclip“: l’esposizione «Canzoni con vista: mezzo secolo di videoclip», dopo essere passata da Foggia all’inizio dell’anno, sta per arrivare a Roma al prestigioso Festival di Palazzo Venezia, dedicato a film e documentari di contenuto artistico.

Vittorio De Sica alla presentazione del Cinebox

Vittorio De Sica alla presentazione del Cinebox

Dall’8 al 17 novembre, ogni giorno dalle 18 alle 24, presso la sala del Mappamondo si potranno ammirare quattro apparecchi del tempo, ancora perfettamente funzionanti: due sono Cinebox, altri due sono Scopitone, una macchina analoga prodotta poco dopo da industriali francesi per fare concorrenza all’Italia ed esportata anche negli Stati Uniti. Dagli schermi di quegli apparecchi facevano capolino gli artisti più noti (o ritenuti di maggior presa) di allora, protagonisti di filmati rigorosamente a colori, oltre un quarto di secolo prima che gli italiani potessero vedere il loro teleschermo colorarsi; dietro la macchina da presa spesso c’erano autentici professionisti, magari agli esordi, come Vito Molinari e Enzo Trapani e (per lo Scopitone) Claude Lelouch, Francis Ford Coppola e Robert Altman. L’avventura del juke box ad immagini terminò bruscamente negli anni ’60 per colpa delle fragilità degli apparecchi e delle infiltrazioni mafiose che la distribuzione americana dello Scopitone conobbe, ma a Roma si potranno ancora vedere oltre 500 filmati dell’epoca, in riproduzione continua, assieme a centinaia di fotografie e manifesti originali rappresentanti artisti italiani e stranieri testimonial del Cinebox (da Giorgio Gaber a Gianni Morandi, da Vittorio De Sica a Frankie Avalon). Buona parte del materiale esposto, compresi vari fotogrammi dei video, è contenuta nel libro-catalogo Da Carosone a Cosa Nostra, pubblicato lo scorso anno da Coniglio Editore.

Un'esibizione dei Rokes

Esibizione dei Rokes

Contemporaneamente alla mostra di Palazzo Venezia, il Cinebox riserva un’altra sorpresa. Il primo gruppo beat chiamato ad esibirsi per quell’apparecchio, furono gli inglesi The Rokes, che con brani come Che colpa abbiamo noi e È la pioggia che va spopolarono nell’Italia degli anni ’60. Se ai più è noto soltanto l’ex cantante e chitarrista David “Shel” Shapiro (l’unico ad essere rimasto nell’ambito musicale), si innamorò dell’Italia anche il chitarrista Johnny Charlton, anche se dal decennio successivo si occupò essenzialmente di arte (oggi è anche perito di pittura d’arte per il Tribunale di Roma). Johnny divenne collaboratore stretto e gallerista esclusivo del pittore Mino Maccari, per poi impegnarsi in prima persona come artista; la sua galleria divenne il punto di riferimento di (vicina a Piazza di Spagna) grandi nomi come Giorgio De Chirico, Giulio Turcato, Renato Guttuso e Mario Schifano e da quelle frequentazioni Charlton apprese molto e concretizzò gli stimoli ricevuti. Le sale del Palazzetto del Burcardo, la Biblioteca della SIAE (Via del Sudario, 44), ospiteranno tanto la prima chitarra a forma di freccia (o a coda di rondine, secondo altri) che la Eko costruì per i Rokes su disegno dello stesso Johnny Charlton, quanto le ultime opere dell’artista, i “preziosi da parete” che raffigurano proprio quelle chitarre attraverso combinazioni di colori e foglie d’oro zecchino; nel mezzo, anche i filmati a colori che videro protagonisti i Rokes nei Sixties italiani.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: